feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
110/Una notte troppo bella per morire

110/Una notte troppo bella per morire

Brossura editoriale, formato cm 12,5 x 20, 184 pagine
ISBN 978-88-9857-102-4

Premio Leggimontagna 2015
Secondo classificato sez. Narrativa


 

Recensioni



Riprende, con il n° 110, la prestigiosa collana de I Licheni. UNA NOTTE TROPPO BELLA PER MORIRE di Isabel Suppé è l’ideale continuazione di una tradizione di grandi libri di montagna, a partire dal mitico LA MORTE SOSPESA di Simpson, di cui il libro della Suppé sembra la versione femminile, ricca di suspence e di pathos. Finalmente in versione italiana (nella traduzione di Daniela Piu) il libro che ha riscosso un grande successo in lingua spagnola (Noche estrellada) ed inglese (Starry night), finalista del prestigioso premio letterario della rivista Desnivel.

 

Ande Boliviane, gruppo del Condoriri. Una cima di 5.500 metri, l’Ala Izquierda. Siamo nel 2006. Una coppia di scalatori affronta una difficile via di ghiaccio; a soli 50 metri dalla vetta uno schianto improvviso, un chiodo da ghiaccio che esplode. Un pauroso volo di 400 metri. Lui sopravvive solo qualche ora, lei – la spina dorsale, protetta dallo zaino, miracolosamente illesa – ha una gamba spezzata in più punti, ma è viva. Il suo nome è Isabel Suppé, una ragazza di soli 24 anni, di origine tedesca, ma che ha scelto di vivere in Argentina e si dichiara apolide. Una notte troppo bella per morire è la storia appassionante della sua lotta per la sopravvivenza. Prima trascinandosi per due giorni e due notti lungo il ghiacciaio, tra dolori lancinanti ed allucinazioni. Poi, dopo un avventuroso salvataggio, il lungo calvario di 14 operazioni e la lenta rieducazione, tra cliniche dove si respira l’alito della morte, i ricordi di un’infanzia felice con i nonni alpinisti, la voglia di riprendere ad arrampicare. Una storia appassionante, uno stile di scrittura sobrio e senza retorica, un libro destinato a diventare un classico, come La morte sospesa di Simpson, di cui questa sembra essere la versione femminile. L’edizione originale spagnola Noche estrellada è stata finalista al Premio Desnivel de Literatura e la versione inglese Starry Night è stata finalista al Boardman Tasker Prize. Isabel Suppé ha tre amori: le montagne, le parole e il caffelatte. È nomade e vive nella sua tenda nelle montagne del mondo. Parla sei lingue e dice che l’avventura e la scrittura la perseguiteranno.

 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2017 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy