feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
Aosta

Aosta

Cartonato con sovracoperta plastificata a colori, formato cm 28x32, pp 96 interamente illustrate a colori
ISBN 978-88-8068-157-1

Versione italo-franco-inglese


 

Recensioni

  • Environnement. Ambiente e Territorio in Valle d’Aosta
    Ambiente e Territorio in Valle d’Aosta
    Aosta


Aosta è un piacevole viaggio nella storia della «Roma delle Alpi», che aiuta a capire la realtà di oggi attraverso gli eventi del passato. Dal Neolitico alle soglie del Duemila, la comunità aostana è nata e si è evoluta in un ambiente che ha fortemente condizionato le sue possibilità di sviluppo. Tradizionalmente aperta agli scambi attraverso i colli alpini, ha tuttavia conservato una gelosa ritrosia nei confronti del mondo esterno, con un atteggiamento di difesa della propria identità che non sempre è colto nel suo vero significato dal visitatore occasionale. La storia ha abituato gli Aostani a veder passare per le porte e le vie della loro città papi, imperatori, eserciti, pellegrini, mercanti e viandanti d’ogni ceto e d’ogni colore: nulla li sorprende, nulla sconvolge la loro tranquilla filosofia esistenziale. Il carattere apparentemente pantofolaio dei «citoyens et bourgeois» d’origine e d’adozione non deve però ingannare: sotto la crosta abitudinaria e provinciale cova un’originalità di carattere che sfocia spesso in comportamenti insospettatamente cosmopoliti, in guizzi di creatività straordinaria o in bizzarrie un po’ folli.
 
Dall'introduzione

Chi osservi oggi dall’alto la città di Aosta riceve l’impressione della crescita disordinata di un organismo bruno-biancastro su un verde tappeto di prati e frutteti. Le propaggini filamentose di questa massa in espansione si protendono ormai sui territori dei Comuni confinanti, che a loro volta si caratterizzano per la presenza di centri abitati sempre più grandi e propensi a fondersi in masse omogenee, percorse e collegate da arterie sempre più numerose.
Se si vuole avere un’idea di come si presentasse la città sino a pochi decenni or sono – prima che l’abnorme sviluppo edilizio ne facesse l’imbuto che ha risucchiato più di un terzo della popolazione dell’intera Valle d’Aosta – ci si può riferire ad un suggestivo dipinto di fine Seicento, che raffigura un’Aosta senza tempo, fissata dal pittore nella sua fisionomia medievale, destinata a rimanere pressoché immutata – dal punto di vista urbanistico – sino agli anni della Grande Guerra: un grande borgo irto di torri e campanili, annegato nel verde di una campagna che penetra largamente all’interno dell’intatta cinta muraria.
La diversità delle dimensioni non deve trarre in inganno: le funzioni che svolge l’ipertrofica mini-megalopoli attuale, di centro amministrativo, commerciale, culturale e religioso della regione, le ha sempre svolte il piccolo centro semi-rurale che ancora costituisce il cuore e l’anima della città moderna. La centralità di Aosta rispetto alla sua Valle è di natura geografica, prima di essere il prodotto di una ricca stratificazione storica risalente almeno all’era neolitica. […]
 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2017 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy