feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
Arte in Piemonte vol. VI Il Novecento

Arte in Piemonte vol. VI Il Novecento

Cartonato con sovraccoperta a colori plastificata, inserito in prestigioso cofanetto di fattura manuale, formato cm 23,5x32, pagine 182 con più di 200 immagini a colori, anche a piena e doppia pagina
ISBN 978-88-8068-383-4
 

Recensioni

Estratti



Un’occasione unica per conoscere o riscoprire le correnti artistiche che hanno animato il Novecento piemontese, secolo di importanti rivolgimenti storici e di grandi realizzazioni in tutti i campi, eppure per certi aspetti ancora da scoprire. Un prezioso compendio che annovera capolavori riconosciuti – dai dipinti di Giacomo Grosso a quelli di Felice Casorati, dalle architetture di Giuseppe Talucchi a quelle di Carlo Mollino e di Ettore Sottsass alle sculture di Leonardo Bistolfi a quelle di Mario Merz e Alighiero Boetti – ma non trascura opere e autori meno noti al grande pubblico.

Una panoramica di quanto l’arte del Novecento ha lasciato in Piemonte, illustrata come di consueto da un formidabile apparato iconografico e da un apparato testuale storicamente e criticamente ineccepibile.

Introduzione
Questo volume, di taglio generale storico-critico, si propone di documentare nel modo più approfondito possibile tutti i principali sviluppi dell’arte in Piemonte nel Novecento.
Come curatore della pubblicazione – in stretta collaborazione con gli altri tre autori dei testi, Giorgina Bertolino, Francesca Filippi e Francesca Comisso – ho cercato di affrontare la complessità dell’argomento con un’impostazione chiara, basata su ben definiti criteri di periodizzazione sia per le arti figurative (pittura e scultura) sia per l’architettura.
La ricerca è stata incentrata per ogni periodo innanzitutto sulle tendenze artistiche di maggior rilievo, sui gruppi di artisti e sulle personalità più influenti, tenendo conto delle manifestazioni espositive che più hanno segnato e caratterizzato il dibattito artistico a Torino (in rapporto al contesto nazionale e internazionale) e del ruolo specifico svolto dalle istituzioni come l’Accademia Albertina, la Promotrice delle Belle Arti e i musei. Ma sono state messe in luce anche, con particolare attenzione, le situazioni culturali con incidenza più circoscritta a livello regionale e locale, analizzando l’attività dei pittori, scultori e architetti meno noti, in numerosi casi degni di un’attenzione critica ben maggiore di quella che hanno avuto finora.
Il volume è stato diviso in tre parti. La prima comprende un arco di tempo che va dall’inizio del secolo scorso alla Seconda guerra mondiale. La seconda va dal dopoguerra agli inizi degli anni Sessanta, e la terza arriva fino a oggi.
Il saggio sulle arti figurative fino agli anni Quaranta, che è stato scritto da Giorgina Bertolino, si divide a sua volta in due capitoli. Il primo arriva fino alla prima guerra e si occupa di una generazione di artisti che rappresenta, per molti versi, la continuità fra Ottocento e Novecento, per esempio nella pittura di paesaggio o nella scultura monumentale, senza però dimenticare i nuovi sviluppi in direzione simbolista. In quei decenni l’Accademia Albertina è ancora l’istituzione culturalmente dominante.
Il secondo capitolo, dedicato al ventennio del periodo fascista, ha come protagonisti innanzitutto Casorati (la sua opera, la sua influenza fondamentale nella svolta moderna della cultura artistica torinese, il suo rapporto con Gualino) e poi il Gruppo dei Sei, e il gruppo futurista torinese capeggiato da Fillia.
Per quello che riguarda l’architettura, tutti i testi del volume sono di Francesca Filippi. Nella prima parte si parla, in particolare, dell’Esposizione internazionale delle arti decorative del 1902, dell’architettura eclettica e liberty, delle costruzioni industriali (come il Lingotto), dell’architettura razionalista e futurista; delle opere pubbliche del fascismo e della realizzazione della nuova via Roma.
La seconda parte del volume prende in considerazione circa due decenni, a partire dagli anni dell’immediato dopoguerra.
Nel mio testo si affronta l’acceso dibattito sul rinnovamento delle arti figurative, a partire dal Premio Torino del 1947, che si sviluppa attraverso l’opposizione fra figurazione impegnata e Astrattismo, e sul problema dell’apertura alle ricerca di punta europee, soprattutto postcubiste. E si analizza successivamente l’importante stagione dell’Informale e le altre nuove tendenze fino all’emergere della svolta pop.
Nell’ambito dell’architettura si va dalla fase della ricostruzione al caso Olivetti di Ivrea, dalla proposta del Neoliberty di Gabetti e Isola alle grandi realizzazioni di Italia ’61.
Nell’ultima parte Francesca Comisso si occupa in primo luogo delle ricerche degli anni Sessanta e Settanta, che hanno come protagonisti di livello internazionale gli esponenti dell’Arte Povera, e poi delle successive esperienze artistiche dal ritorno alla pittura e scultura, arrivando fino alla situazione attuale.
L’ultimo capitolo sull’architettura, infine, è dedicato alle costruzioni degli anni Ottanta, come la Casa Aurora di Aldo Rossi, al nuovo piano regolatore e agli interventi per le Olimpiadi del 2006.

Introduzione

prima parte. Dall’inizio del secolo fino alla II guerra mondiale

Arti figurative. Artisti fra Ottocento e Novecento
Giorgina Bertolino

L’Accademia Albertina: i maestri e gli allievi
Continuità del paesaggismo naturalistico
La scultura monumentale

Arti figurative. Gli anni Venti e Trenta Giorgina Bertolino

Felice Casorati e l’ambiente culturale a Torino
La scuola di via Galliari
Il gruppo dei Sei
Oltre le appartenenze
Il secondo Futurismo

Architettura. Dal 1902 al 1945
Francesca B. Filippi

L’Esposizione internazionale di arte decorativa moderna (Torino 1902) e la questione del Liberty
Architetture per la villeggiatura: terme e laghi piemontesi
Formazione e cultura architettonica tra Accademia Albertina e Politecnico
La ditta «Porcheddu» e la diffusione del cemento armato
Torino 1911: la città e l’Esposizione internazionale delle industrie e del lavoro
Scoperta e invenzione dell’architettura alpina
Il Movimento italiano per l’Architettura razionale (MIAR) e il secondo Futurismo a Torino: l’Esposizione nazionale del 1928
Fascismo e opere pubbliche a Torino e in Piemonte. Il caso di via Roma nuova

Seconda Parte. Dal dopoguerra agli anni Sessanta

Arti figurative. Dal Dopoguerra agli anni Sessanta Francesco Poli

Il Premio Torino e le altre manifestazioni espositive dal Dopoguerra ai primi anni Cinquanta
Luigi Spazzapan, Umberto Mastroianni, Mattia Moreni
Neorealismo e astrattismo. Gli artisti del MAC torinese e altri astrattisti
L’ultimo naturalismo. Ruggeri, Saroni, Soffiantino
Pinot Gallizio e il Laboratorio sperimentale di Alba
Tapiè e l’international center of aesthetic research Pistoi e la Galleria notizie
La nuova Galleria Civica d’Arte Moderna di Torino Artisti con altri percorsi
Il clima Pop a Torino

Architettura. Dal 1945 al 1961
Francesca B. Filippi

Giovanni Astengo, l’Apao piemontese e il quartiere la Falchera a Torino
Il caso Olivetti a Ivrea
Il dibattito su innovazione-continuità: il Neoliberty e la Bottega d’Erasmo Aspetti e figure del «Professionismo» torinese tra gli anni Cinquanta e Sessanta
L’Esposizione del 1961 e il mito della modernità tecnica

Terza Parte. Dagli anni Sessanta a oggi

Arti figurative. Nuove prospettive di ricerca 1960/70
Francesca Comisso

Le ricerche cinetico visuali, programmate e la Poesia visiva
Nascita e sviluppo dell’Arte Povera
I protagonisti torinesi dell’Arte Povera
La pittura analitica e minimale

Arti figurative. Anni Ottanta e Novanta
Francesca Comisso

Il Castello di Rivoli e il Sistema delle Gallerie internazionali
Il ritorno alla pittura e alla scultura: Salvo, Mainolfi e Mondino
La transavanguardia a Torino Generazione anni Ottanta: le mostre e i luoghi
Alcuni protagonisti: Stoisa, Astore, Ragalzi, Giardini, Massaioli
La pittura mediale. Pusole, Zanichelli, De Paris, Cascavilla, Vetrugno e Galliano
Gli anni Novanta tra fotografia, video, installazioni, oggetti

Architettura. Dal 1960 a oggi
Francesca B. Filippi

Boom economico ed edilizia popolare a Torino tra gli anni Sessanta e Settanta
La casa Aurora di Aldo Rossi e le architetture degli anni Ottanta in Piemonte
Spazi museali, parchi tecnologici e rifunzionalizzazione di complessi industriali
Verso le Olimpiadi 2006

Indice dei nomi rilevanti
Crediti fotografici

 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2017 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy