feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
Arte medievale in Canavese

Arte medievale in Canavese

Mediaeval art in the Canavese Country

Cartonato con sovracoperta a colori plastificata, inserito in prestigioso cofanetto di fattura manuale, formato cm 23,5x32, pp 184, con più di 130 immagini a colori
ISBN 978-88-8068-224-0
Versione italo-inglese

 

Recensioni

  • La Sentinella del Canavese
    Un affascinante viaggio nell'arte medievale in Canavese

    È un Medioevo "nostro", quello racchiuso nelle pagine di "Arte medievale in Canavese", tutto da leggere e da andare ad esplorare nei luoghi e nelle opere d'arte che la penna di Franco G. Ferrero e l'obiettivo di Enrico Formica hanno composto in un itinerario appassionante tra castelli, chiesette campestri e pievi sperdute, bello sulla carta, bellissimo da percorrersi dal vero. Il libro riprende infatti testimonianze di arte figurativa e plastica, comprese tra l'anno Mille e il 1500 (praticamente da Warmondo allo Spanzotti), presenti sul territorio canavesano.
Si va dall'undicesimo al quindicesimo secolo, dalla vita dipinta dei codici miniati in Ivrea, dai grifoni di Fruttuaria e dal Leone di Chiaverano alle Storie di Cristo della Chiesa Cimiteriale di San Maurizio Canavese, agli affreschi della Cappella Avogadro a Settimo Vittone (Pieve di San Lorenzo) e a quelli dei Conventi di San Francesco a Rivarolo e di San Bernardino a Ivrea. Risalgono al Quattrocento anche gli affreschi in Sant'Eusebio al Masero (Scarmagno) rivelati nel capitolo "Gli occhi sognanti e i ricchi tessuti di Domenico della Marca di Ancona e della sua Scuola" e quelli nelle Chiese di San Giorgio, a Valperga,e di San Martino di Liramo, a Ciriè.
"Le arti liberali e le miniature di Ivrea, la natura scolpita dei capitelli, affreschi romanici nel Canavese occidentale" è il titolo del capitolo sull'arte del dodicesimo secolo, mentre il Duecento e il Trecento vengono trattati, rispettivamente in "Il ritratto dal vero della Madonna a Cuorgnè e le opere di Guglielmo di Orta a Settimo Vittone" e in "I tesori delle chiese «in castro» San Lorenzo di Settimo Vittone, la Cappella di San Martino a Torre Canavese e la Chiesa di San Giorgio a Valperga. San Michele e il diavolo".
A siglare questo viaggio nell'arte del nostro territorio sono stati gli editori eporediesi Priuli & Verlucca che della bellezza e dell'eleganza applicate al libro hanno fatto il vessillo delle loro pubblicazioni. Già dall'inconfondibile cofanetto che racchiude il volume, si può cogliere quella ricerca di eleganza editoriale che permea le circa duecento pagine del libro.
«"Arte medievale in Canavese" fa parte di quello sforzo, che la nostra casa editrice sta compiendo da oltre trent'anni, di conservare il ricordo di tante testimonianze artistiche locali spesso destinate a scomparire, almeno nella memoria labile delle generazioni - sottolinea l'editore Cesare Verlucca -. Noi siamo i primi a stupirci nel constatare quante siano le opere, sovente sconosciute agli stessi abitanti dei luoghi che le ospitano, presenti sul vasto territorio canavesano. L'immaginario collettivo tende a focalizzare l'arte in città come Firenze, Roma, Siena e a non considerare o a sottovalutare quanto lo circonda qui, nella nostra terra: il libro vuol fare giustizia di questo eccesso di understatement e intende rivelare quanta arte e di quale valore si trovi, frammentata e poco nota, sparsa per campagne, paesini e in sperdute località montane, tutta, comunque "a portata di gita"».
Riaffiorano così artisti come Aimone Duce, pittore e miniatore attivo in zona sabauda a partire dal secondo decennio del Quattrocento, e come Giovanni de Pietro Scotis di Piacenza, o affreschi, come quelli nelle cappelle a Cintano, Canischio, Rocca Canavese: spunti sconosciuti per scoperte e ricerche ricche di fascino.


Estratti



Viaggio appassionante in una terra meravigliosa, alla scoperta di un patrimonio artistico incredibile, conservato in musei, castelli, chiese, pievi e cattedrali.
Affreschi, mosaici, statue, miniature raccontano la fede e la storia del Canavese, dal mitico anno Mille alle soglie del Rinascimento.
Cinque secoli di un affascinante periodo storico ci offrono una serie irripetibile di tesori: dai capolavori più noti, anche se non sempre accessibili al pubblico, alle opere talvolta sconosciute e dimenticate o di recente rinate grazie a preziosi interventi di restauro. Attraverso la bellezza dell’arte medievale e la sua vitalità, è possibile scoprire o rivalutare una trentina di comuni canavesani, suggerendo un percorso a valenza artistico-turistica che, insieme alle risorse sempre più apprezzate dell’ambiente e delle tradizioni, possa fare nuovamente del Canavese – già operoso di lavoro dei campi e di tecnologia avanzata – una terra di ospitalità, d’accoglienza e di nuovo benessere, fondato sulle risorse inalienabili della sua storia e della sua cultura.

INDICE

Il fascino ambiguo del medioevo

Arte dell'undicesimo secolo.
La vita dipinta dei codici miniati in Ivrea, i grifoni di Fruttuaria e il leone di Chiaverano

Arte del dodicesimo secolo.
Le arti liberali e le miniature di Ivrea, la natura scolpita dei capitelli, affreschi romanici nel Canavese occidentale

Arte del tredicesimo secolo.
Il ritratto dal vero della Madonna a Cuorgnè e le opere di Guglielmo di Orta a Settimo Vittone

Arte del quattordicesimo secolo
I tesori delle chiese in castro: San Lorenzo di Settimo Vittone, la Cappella di San martino a Torre Canavese e la Chiesa di San Giorgio a Valperga. San Michele e il diavolo

Arte del quindicesimo secolo.
Alcuni esempi di scultura

Arte del quindicesimo secolo.
Aimone Duce, Giacomo di Ivrea e la pittura cortese

Arte del quindicesimo secolo.
Gli occhi sognanti e i ricchi tessuti di Domenico Della Marca di Ancona e della sua scuola

Arte del quindicesimo secolo.
Affreschi quattrocenteschi nella Chiesa di San Giorgio di Valperga

Arte del quindicesimo secolo.
Affreschi quattrocenteschi in Valle Sacra e nell'Alto Canavese

Arte del quindicesimo secolo.
Affreschi quattrocenteschi nel Ciriacese

Arte del quindicesimo secolo.
Le storie di Cristo della Chiesa Avogadro nel San Lorenzo di Settimo Vittone

Arte del quindicesimo secolo.
Gli affreschi della Chiesa e del Convento di San Francesco di Rivarolo. L'Adorazione di gesù di Giovanni Martino Spanzotti e le sue imitazioni

Arte del quindicesimo secolo.
Gli affreschi della Chiesa di San Bernardino di Ivrea. Giovanni Martino Spanzotti e la fine del Medioevo

Bibliografia
 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2017 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy