feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
Berlino 360°

Berlino 360°

Cartonato con sovraccoperta plastificata a colori, formato cm 34,5x31
pp 140 con fotografie che si aprono a 2, 4, 6 ante (fino a 2 metri di lunghezza)
ISBN 978-88-8068-786-3
Versione italo-anglo-tedesca con didasalie in IT, GB, F, D.

novità
 

Recensioni

  • Toi Magazine

    Il piacere di leggere…

    Un grande volume fotografico apre la rassegna delle novità librarie di questo mese. Priuli & Verlucca presenta Berlino 360°, uno sguardo appassionante e curioso di tutto quanto offre la grande capitale tedesca risorta a nuova linfa dopo la riunificazione delle due germanie. Come negli altri volumi della collana, particolarmente belle ed affascinanti le pagine panoramiche larghe anche un metro con immagini a tutto campo della grande Berlino.


Estratti



Un emozionante viaggio alla scoperta di una grande capitale europea, raccontato con le spettacolari immagini di Luca Pedrotti e con l'abilità narrativa di Fabio Bourbon

Dall'introduzione

La prima volta che vidi Berlino era il 1982, avevo vent’anni, viaggiavo in treno con quattro soldi in tasca e un’aberrazione di cemento armato e filo spinato spaccava in due la città, assieme al mondo intero. Non sapevo esattamente cosa mi spingesse a visitare una metropoli che immaginavo piuttosto lugubre, con le strade percorse dai fantasmi di un incubo ancora troppo recente: forse era proprio il fascino ambiguo e crudele della storia a irretirmi, o la presenza del Muro e dello strano universo che stava rintanato «dall’altra parte», vagamente oscuro e imperscrutabile. Forse era l’ineffabile volto della regina Nefertiti a chiamarmi come una sirena, dalla sua buia sala nel Museo Egizio; oppure erano l’ara di Pergamo e le porte di Babilonia, ricostruite sull’Isola dei Musei, a Berlino Est.
Digiuno delle più elementari informazioni, prima trovai un campeggio dove piazzare la tenda, poi acquistai una guida tascabile alla città, dall’aspetto datato e poco invitante, che tuttavia conservo con affetto. Così equipaggiato iniziai ad aggirarmi per le strade di quella che ben presto scoprii essere una megalopoli cosmopolita.
La zona occidentale mi parve vivacissima, anche se vagamente claustrofobica, il che era tutto sommato naturale considerato il minaccioso involucro che l’imprigionava lungo l’intero perimetro. Per il resto, la vita cittadina era notevole. Centri commerciali all’avanguardia, birrerie strepitose, localini simpatici un po’ dovunque e di fantasmi del passato neppure l’ombra: esattamente l’opposto di quanto avessi immaginato. Tuttavia, il mio interesse ben presto puntò verso oriente: attraversare il Muro e andare a risiedere per qualche giorno nella capitale della Repubblica Democratica Tedesca mi sembrò un’impresa di quelle memorabili, che una volta a casa si raccontano agli amici con l’aria di chi ha girato il mondo. In fondo, il leggendario «Checkpoint Charlie» – sorvegliatissimo varco tra il settore americano e quello sovietico – l’avevo sempre e soltanto visto nei film di spionaggio e attraversarlo in prima persona mi emozionò non poco. Dall’altra parte del Muro l’atmosfera era ancora più claustrofobica e si respirava quell’aria pesante che aleggia sempre nei posti dove la libertà non è di casa, ma prosperano incertezza e paura. Anche la cucina locale non era granché, sebbene meravigliosamente economica; in compenso i musei e le scenografiche architetture federiciane e guglielmine si rivelarono superiori alle aspettative.
Dopo una settimana o poco più mi ero fatto un’idea del luogo – o così pensavo – e quindi decisi che fosse venuto il momento di rimettermi in viaggio per proseguire verso nuovi orizzonti.

 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2019 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy