feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
I Valdesi e l’Unità d’Italia

I Valdesi e l’Unità d’Italia

Un tempo per seminare e un tempo per raccogliere

Cartonato con sovraccoperta plastificata a colori, 160 pagine con inserto fotografico, formato cm 14x21,5
ISBN 978-88-8068-506-7
 

Recensioni

  • Realtà Industriale
    I Valdesi e l'Unità d'Italia
  • La vita scolastica
    Storia della scuola 2
  • La vita scolastica
    Storia della scuola
  • La vita scolastica
    Valdesi: Emarginati e istruiti
  • Impegno
    I thè letterari di Piera Egidi Bouchard
  • La Beidana
    Seganlazioni
  • La Valsusa
    I Valdesi e l'Unità d'Italia

  • Il Saviglianese / la Bisalta
    Valdesi alla scoperta di un popolo
  • La Guida
    I valdesi e l’Unità d’Italia
  • L’eco del Chisone
    I valdesi e l'Unità d’Italia, contributo significativo

  • Riforma
    I valdesi e il valore civile del Risorgimento (pag. 1)
  • Riforma
    I valdesi e il valore civile del Risorgimento (pag. 2)

  • La Stampa
    Il ritorno dei Valdesi
    Clandestini nel Medioevo, perseguitati con l’adesione alla Riforma protestante nel 1532, massacrati in Calabria nel 1561, successivamente costretti all’abiura o alla fuga, con l’Unità d’Italia «i valdesi sono entrati a pieno titolo nella comunità nazionale». Maria Rosa Fabbrini, storica, parte di qui per raccontare l’apporto etico, morale, di progetti e programmi che i valdesi portarono all’Italia Unita solo virtualmente e da costruire. In calce un prezioso indice dei nomi e la tabella sull’attuale consistenza della Comunità valdese in Italia.

  • Corriere di Novara
    I Valdesi e l'Unità, ritratto di famiglia della comunità
  • Eco di Biella
    I Valdesi, l'Unità d’Italia e la rinascita morale

  • La Repubblica
    Ufficiali e Garibaldini sulle tracce di Valdo

Estratti



Con l’Unità d’Italia, i valdesi sono entrati a pieno titolo nella comunità nazionale. Costretti alla clandestinità nel Medioevo, perseguitati dopo l’adesione nel 1532 alla Riforma protestante, massacrati in Calabria nel 1561 nell’età della Controriforma, obbligati all’abiura o alla fuga, di loro rimaneva un’esigua presenza, relegata tra le montagne del Piemonte occidentale che il governo sabaudo aveva tentato di sradicare definitivamente nel 1686, con l’esilio verso la Svizzera e la Germania. Tre anni dopo, grazie all’appoggio che l’Europa protestante non aveva mai fatto mancare, e con il cambio di alleanze di Vittorio Amedeo II, i valdesi poterono rientrare nelle loro terre, ma per vedere riconosciuti i propri diritti politici e civili (non ancora quelli religiosi) dovettero attendere l’Editto di Emancipazione proclamato da Carlo Alberto nel 1848.
Che cosa hanno apportato i valdesi all’Italia postunitaria? Quali sono stati i tratti essenziali dell’evangelismo, i contenuti etici, morali, la visione, le idee, i programmi? Con quali difficoltà hanno dovuto misurarsi? Contro quali pregiudizi e ostilità hanno dovuto lottare?
Questo libro lo racconta.
 
Sommario


Premessa

Capitolo I
Pietre angolari
La Bibbia all’Indice: discrimine tra protestanti e cattolici
L’offensiva cattolica
La Bibbia nel mondo protestante
L’evangelismo risorgimentale
La necessità di una rinascita morale

Capitolo II
Il linguaggio dell’incontro
La stampa e l’editoria valdese
La Facoltà valdese di teologia
Il Comitato di evangelizzazione
Gli «operai della parola»:
Colportori
Maestre e maestri evangelici
Pastori

Capitolo III
Far fruttare i talenti e i giorni
La rappresentanza politica valdese
Imprenditori protestanti e valdesi in Piemonte
La massoneria

capitolo IV
Decisioni coraggiose
L’emigrazione
Tra entusiasmi e dissensi
Le difficoltà dell’evangelizzazione
L’erba che fa seme
Abbreviazioni
Nota
I valdesi in italia oggi

Indice dei nomi
Bibliografia
Ringraziamenti
L’archivio fotografico valdese
 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2019 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy