feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
I grandi spazi delle Alpi vol. 3

I grandi spazi delle Alpi vol. 3

Cervino, Monte Rosa, Vallese, Canton Ticino

Cartonato con sovraccoperta plastificata a colori, formato cm 25x35, pp 192
ISBN 978-88-8068-148-9
 

Estratti



[…] L’idea di iniziare questa collana e quindi di collaborare assai attivamente a ciò che noi riteniamo essere cultura alpina è stata una spalmata d’unguento benefico su vecchie piaghe mai richiuse. La convinzione che vi siano tanti appassionati che finora avevano sofferto in silenzio è provata nella sua verità dall’interesse che i primi volumi hanno risvegliato.
L’opera infatti basa le sue motivazioni principalmente nell’esigenza, attuale e prioritaria, di difendere gli ultimi spazi incontaminati delle nostre Alpi. A questo riguardo coesistono molte opinioni: c’è chi pensa che sia estremamente importante difenderle dall’assedio della spazzatura, c’è chi vorrebbe maggiore difesa dai turisti, dagli operatori turistici, dagli alpinisti, dai Club Alpini, dagli impresari edili, dagli sciatori, dai cacciatori, dai cavatori, da custodi di rifugi senza scrupoli, e da tanti altri.
Siamo giunti a una situazione tale di colonizzazione e talvolta di degrado che non si può più volgere lo sguardo dall’altra parte e consolarsi pensando che si troverà comunque un angolino per noi. Purtroppo ancora immobili e consolidate sono le posizioni di quegli alpinisti cittadini che con cieca determinazione perseguono i loro sogni tra cime e cielo ma che, con malcelato fastidio, non vogliono prendere posizione su scottanti problemi e che di buon occhio vedono la costruzione di nuovi impianti per avere più possibilità di ascensioni rapide.
Noi ci battiamo perché i boschi non siano più campo di battaglia per riempire di qualunque cosa i propri sacchetti di plastica o i propri carnieri; e ci battiamo anche perché l’alta e l’altissima montagna non siano campo di gioco solo per riempire i propri diari di elenchi di salite.
Ci battiamo perché la roccia non sia più un mezzo per squallidi esercizi sportivi, perché i sentieri siano la via all’esperienza e non rete viaria di un giardino pubblico.
Ci battiamo infine perché ciò che è stato deturpato sia ripulito, ciò che è stato conquistato sia infine difeso.

INDICE

Introduzione
La montagna delle fate
I due deserti del Wildstrubel
L’Antartide svizzero
Il lato oscuro
Via dalla folla
La Haute Route Chamonix-Zermatt
Il sentiero dei pianeti
Non solo vittorie (Cervino 1)
Gli altri Cervini
Matterhorn Nordwand (Cervino 2)
High level road (Cervino 3)
Quel quattromila (Cervino 4)
Non solo eliski Sopra al Lago Bleu (Cervino 5)
La corona imperiale
La valle perduta
Da Ivrea al Monte Rosa
Alpinismo invernale 1
Alpinismo invernale 2
Giorni di nebbia
Alla fine del dondolìo
Sci estremo
Le valanghe
Comico e tragico
L’idillio dell’alpe Veglia
Alle origini dello scialpinismo
Sci a numero chiuso
Il regno della wilderness
La montagna discreta
Outdoor e ambiente

 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2017 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy