feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
Varietà frutticole tradizionali della valle d'Aosta

Varietà frutticole tradizionali della valle d'Aosta

Cartonato con sovraccoperta a colori plastificata, formato cm 17,5x25, 208 pagine con fotografie e disegni
ISBN 978-88-8068-414-5
 

Recensioni

  • La Stampa
    Quelle rare varietà di frutta patrimonio della Val d’Aosta

    Intelligente rigoroso, apripista di una catalogazioone che ogni regione, ogni provincia o realtà territoriale dovrebbe seguire. Si tratta del censimento delle varietà frutticole. Perché uno dice mela e pensa ne esistano due, tre varietà: nel libro ne presentano oltre trenta. Altrettanto per la pera. Dieci varità di ciliege, quindici di pruni. E poi fichi, mandorli, noci, nespoli. Alberi voluti, curati, coccolati da generazioni di valdostani. Il saggio rientra nel progetto Interreg. III Alcotra: recupero e salvaguardia di aspetti legati al paesaggio.

Estratti



Da una parte all’altra del Monte Bianco, accanto ai paesaggi naturali, altri paesaggi sono stati costruiti grazie al lavoro delle popolazioni locali. Questi paesaggi eccezionali, costituiti essenzialmente dai frutteti, dai vigneti e dagli alpeggi, hanno contribuito fortemente alla creazione dell’identità dello spazio alpino. Questo patrimonio, frutto di pratiche colturali e culturali, è il contesto in cui è nato il Progetto Interreg III A Alcotra «Paysages… à croquer».
Obiettivo centrale del progetto sono il recupero e la salvaguardia di aspetti legati al paesaggio, ormai quasi perduti, che sono parte integrante della cultura tradizionale locale e la cui conoscenza contribuisce al rafforzamento dell’identità culturale e alla riscoperta delle proprie radici.
Il patrimonio frutticolo locale e i paesaggi ad esso connessi sono parte integrante della cultura tradizionale. La loro conoscenza contribuisce al rafforzamento dell’identità culturale e alla ricerca delle proprie radici. Questo libro rappresenta uno strumento indispensabile per contribuire alla salvaguardia di questo tesoro, sia attraverso la riscoperta delle varietà frutticole tradizionali sia delle tradizioni legate al mondo rurale.

 

INDICE

Presentazione dell’Assessore all’Agricoltura e Risorse Naturali, Giuseppe Isabellon

Paysages... à croquer


Alla scoperta del patrimonio frutticolo valdostano

FRUTTA E TRADIZIONE: INDAGINE ETNO-STORICA SULLA FRUTTICOLTURA IN VALLE D’AOSTA
• Frutta nella storia
• Una fattoria nobile nel Settecento
• Il paesaggio rurale
• Lo statuto giuridico degli alberi   da frutta
• Pratiche agricole
• Nella dispensa
• Un frutteto d’antan
• Frutta in cucina
• Frutta e territorio

BIODIVERSITÀ E POMOLOGIA
• Diversità biologica
• Biodiversità frutticola
• Pomologia: alcune definizioni
• Varietà autoctone, tradizionali, locali, antiche, moderne...
• L’inventario varietale
Il censimento
Caratterizzazione pomologica delle varietà
Il frutteto conservativo
Un po’ di numeri
 
• La classificazione dei frutti
I criteri per la classificazione e la morfologia
Dal fiore al frutto
Caratteri descrittivi comuni a tutte le specie
Caratteri descrittivi delle pomacee (Melo e Pero)
Caratteri descrittivi delle drupacee  (Susino, Ciliegio, Pesco, Albicocco)
Caratteri descrittivi per le altre specie
• Le virtù dei frutti
«La frutta non ha più il sapore di una volta»
• Frutta e salute

LE SCHEDE POMOLOGICHE
• Il Melo
Le varietà locali
• Il Pero
Le varietà locali
• Il Ciliegio
Le varietà locali
• Il Pruno
Le varietà locali
• Il Pesco
Le varietà locali
• L’Albicocco
Le varietà locali
• Il Fico
Le varietà locali
• Il Mandorlo
Le varietà locali
• Il Noce
Le varietà locali
• Il Cotogno
• Il Gelso
• Il Nespolo

Bibliografia
 

 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2017 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy